20150209

A sei anni dalla crisi / Galileo Ferraresi - parte 2 di 2 - Nexus 114

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è un ex fascista poi diventato uno sfegatato comunista che ha applaudito ed inneggiato a Stalin quando l'Ungheria fu invasa dai carri armati sovietici.
Dopo il colpo di stato in Cile è diventato "il comunista preferito da Henry Kissinger".
Nel 2008 da Presidente della Repubblica firma il Lodo Alfano col quale garantisce a se stesso e ha Silvio Berlusconi la totale immunità giudiziaria.
Il Lodo verrà dichiarato anticostituzionale e allora Giorgio firma nel 2010 la nuova versione del precedente decreto anticostituzionale, il decreto sul legittimo impedimento, dichiarato anch'esso anticostituzionale nel 2011.
Nel 2008 non scioglie le camere (atto incostituzionale).
Nel 2011 fa partire l'esercito per la guerra in Libia senza neppure consultarsi col Parlamento (atto incostituzionale) e violando un trattato di non aggressione con la Libia.
Fa dimettere anticostituzionalmente Berlusconi per sostituirlo con Monti e Passera, che nessuno aveva mai eletto.
Si fa rieleggere Presidente (contrario articolo 85 Costituzione) fa cadere il governo Monti e lo sostituisce con Letta e poi sostituisce il governo letta con Renzi (tre colpi di stato in due anni: roba da repubblica delle banane).
Nella trattativa Stato mafia fa sparire i documenti e si dichiara intoccabile.
Non a caso è considerato dai giuristi inglesi uno dei peggiori presidenti della storia mondiale e posto al pari di Mugabe e Nixon. L'incostituzionalità e la criminalità politica non coinvolgono solo il Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere il garante della Costituzione, ma anche gli altri pezzi forti della politica.
Il Parlamento è eletto con la legge elettorale anticostituzionale.
Il parlamento anticostituzionale ha eletto il Presidente della Repubblica che non poteva essere rieletto.
Il Parlamento anticostituzionale ha eletto un Presidente del Consiglio che è appoggiato da un alleanza non votata da nessuno.
Un Parlamento illegale con un Presidente della Repubblica illegale e un Preside del Consiglio illegale stanno rinformando la base del diritto italiano, la Costituzione italiana, in accordo con un condannato che ha fondato un partito con con un colluso con la mafia e iscritto alla loggia massonica P2 (condanna Per sovvertimento dello Stato. La nuova Costituzione è stranamente simile a quella che il pater della P2, Licio Gelli, voleva imporre all'Italia nel 1980.  >>>>

Nessun commento: