20111106

Liguri presuntuosi

 «Sono colpito ma anche vaghissimamente indignato perchè i liguri hanno la presunzione di essere una cultura anglosassone diversa dalla cultura sudista borbonica che è forse la piaga di tutta l’Italia» Paolo Villaggio a Sky TG24

1 commento:

Fatima "Titina" Hofer ha detto...

Sono un po' araba e un po' sudtirolese ma ho vissuto a lungo nel Regno delle due Sicilie (a Napoli e a Palermo) oltre che in Cina e Australia; mi sento perciò cittadina del mondo (per inciso ora vivo a Milano: uno dei posti più tristi e incivili che abbia conosciuto). Amo la cultura Napoletana più di qualunque altra e se c'è un posto in Italia che considero degradato è la Liguria. Paolo Villaggio ha ragione però. L'oro falso di Napoli sta' invadendo l'Italia, sentenziava già vent'anni fa circa Renzo Arbore dalle pagine de La Repubblica. Purtroppo Villaggio a detto una verità storica, senza un riferimento preciso ai napoletani ma alla mentalità Borbonica che è sempre stata vista come lassismo e “volemose bene” che non ha mai fatto bene ai napoletani; quella parte di napoletani che sono stufi di come vanno le cose a Napoli: illegalità diffusa, poco senso civico, e scarsa consapevolezza nelle proprie possibilità di prendere in mano il proprio destino rendendo Napoli una città degna di rispetto come meriterebbe. Il fatto poi che L'Italia tutta sia stata occupata da una delle più antiche e squallide monarchie d'Europa e che in particolare il meridione ma non solo (vedi Sud Tirolo)sia stato ridotto a colonia dai Sabaudi nulla toglie alla misera tenebra complessiva degli ultimi 150 anni della storia d'Italia (direi 500), squarciata solo per poco dalla fulgida luce della Resistenza.
E' ora che anche gli italiani diano di nuovo il loro sangue per fare finalmente la loro rivoluzione (forse ci verrà offerta l'occasione), come suggerì Mario Monicelli, e la smettano di risolvere tutto beccandosi fra campanili come gli stolti polli di Renzo. fatimahofer@venez.fr